martedì 31 maggio 2011

A Sardenaira ( la sardinara)

Oggi per partecipare al contest Una Gita senza Formaggio di Cristina del blog Pan per Focaccia vi ripresento un piatto tipico della mia Liguria: la sardinara, da noi è un must! Si mangia come spuntino durante un giro in centro acquistandone un pezzo al taglio, come accompagno a un aperitivo, come finger durante i buffet, insieme a un pezzo di Torta Verde o Focaccia e un'insalata costituisce un pranzo veloce, nel cestino del pic-nic è d'obbligo, è buonissima calda appena sfornata, ma anche fredda! Per tutti questi motivi ho pensato che, per una ligure, non ci sarebbe stato piatto più adatto per partecipare a questo contest! La mia versione è quella che si preparara a Sanremo, ovviamente, ogni paese ha la sua versione ugualmente buona!

Ingredienti:

250 gr. di farina 00
250 gr. di Manitoba
300 ca. ml di acqua tiepida
un bicchiere d'olio evo di olive taggiasche
1 bustina di lievito di birra secco
2 cucchiaini di zucchero ( per facilitare la lievitazione)
sale q.b.
350  ml passata di pomodori
4 o 5 acciughe
2 0 3 spicchi d'aglio
olive taggiasche in salamoia
capperi sotto sale
origano


Procedimento:

impastate le due farine, il lievito. lo zucchero, l'olio l'acqua e il sale fino a formare una palla, lavoratelo energicamente per qualche minuto poi ponetelo a lievitare coperto in luogo tiepido per un'ora.
Nel frattempo in un pentolino fate soffriggere l'olio, l'aglio, le acciughe, lavorandole un po'con la forchetta per farle un po'disfare, quando è ben rosolato aggiungete la passata, aggiustate di sale fate cuocere per 10 minuti, non troppo, sennò una volta cotto in forno diventa amaro.
Riprendete la pasta, rilavoratela un po' e poi posizionatela in una teglia unta di olio e con la punta delle dita unte allargate il panetto fino a fargli coprire tutta la superficie della teglia; coprite e fate lievitare per almeno mezz'ora. Terminata la seconda lievitatura, mettete sopra la pasta il sugo tiepido, le olive e i capperi dissalati, spolverate con l'origano, il tutto risparmiando un po' di crostino. Mettete in forno ventilato tiepido per mezz'ora a 190°, la cottura va controllata seconda del forno, quando è dorata la Sardenaira è pronta!


 Eccola la qui tagliata appena sfornata!



...e come è scritto in un locale di Sanremo, dove si può gustare una delle migliori Sardenaire:
              furesti u nu se pò ciamà pizza a sardenaira! 
ovvero forestieri non si può chiamare pizza la sardinara! 
  






6 commenti:

Ann ha detto...

Sembra davvero buona. Non l'ho mai provato, questa sembra l'occasione buona :D

Graal77 ha detto...

Ha un aspetto delizioso...posso immaginare poi il sapore ....brava....Buona cucina e buona vita!!!!

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

Ma quanto di mangia bene dalla tue parti. Prendo nota per la mia piccola che adora le focacce e io magari ne faccio una versione gluten free

stefy ha detto...

Una vera delizia!!!!!!!

Cristina ha detto...

Grazie per la ricetta, la conosco molto bene e so che è davvero buona!!!!
Buona serata
Cristina

Ka' ha detto...

@Ann se ti va di provarla ti piacerà sicuramente! bacioni!
@Gral grazie mille e buona cose anche a te! bacioni!
@Glu fri abbaimo piatti poveri, ma non di gusto! ;-) segna pure la piccola apprezzerà! Bacioni!
@Stefy grazie ;-)!bacino!
@Cristina, son contenta ti piaccia!bacioni!

Potrebbe interessarti anche:

Related Posts with Thumbnails